Sette brevi lezioni di fisica

CarloRovelli0518Adelphi pubblica spesso capolavori, libri che racchiudono storie, filosofia e scienza e “Sette brevi lezioni di fisica” di Carlo Rovelli è tutto questo e molto altro. Rassicuratevi, non serve essere fisici o scienziati per poter leggere e apprezzare questo libro, anzi, la sua semplicità e chiarezza espositiva rendono la divulgazione scientifica alla portata di tutti, e questa è la forza più grande di questo libro.

Un libro che parla della natura, di “noi” che siamo parte di questa natura complessa e a volte indefinibile, parla dei progressi, ma anche degli inevitabili capitomboli sulla strada delle rivoluzioni scientifiche. Parla di Albert Einstein e della sua geniale intuizione della teoria della relatività, ma anche di Ludwig Boltzmann che morì suicida e incompreso, senza assistere al riconoscimento delle sue teorie che mettevano insieme termodinamica e probabilità.

carlo rovelliLe lezioni sono spunti di riflessione che non hanno la pretesa di rispondere a delle domande, ma di mostrare la strada percorsa per trovare risposte, che spesso ancora cerchiamo. La più bella delle teorie, I quanti, L’architettura del cosmo, Particelle, Grani di spazio, La probabilità, il tempo e il calore dei buchi neri, tutto per arrivare a Noi.

Un libro intenso che si nutre di riflessioni che provengono dalla filosofia, dai più vasti campi della scienza e anche dal quotidiano, perché nella semplicità si può ritrovare l’essenza delle cose, la loro vera natura. Per questo la teoria di Einstein è perfetta, perché l’equazione che la rappresenta è semplice, immediata eppure racchiude una complessità immensa.

La scienza ricerca la conoscenza, e così la relatività, la gravitazione universale, l’elettromagnetismo, le particelle, i quanti, i fotoni, lo spazio e il tempo non sono che un indizio per interpretare e dischiudere l’inafferrabile realtà del mondo.

E tutto questo serve all’autore per arrivare agli esseri umani, che sono parte della realtà e sono anche gli osservatori del mondo. Il prof. Rovelli è critico sugli esseri umani a causa dell’impatto che lo stile di vita che hanno costruito ha sul mondo: i cambiamenti climatici e ambientali forse non ci risparmieranno, ma che resta da fare agli uomini?

Usando le parole dell’autore: “Qui, sul fronte, oltre i bordi del sapere attuale, la scienza diventa ancora più bella, nella fucina incandescente delle idee che nascono, delle intuizioni, dei tentativi. Delle strade intraprese e poi abbandonate, degli entusiasmi. Nello sforzo di immaginare quello che ancora non è stato immaginato”.

E il viaggio continua.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.