Notti delle mille e una notte

mahfuz-naguibSe anche voi siete rimasti affascinati dall’arabeggiante mondo delle “Mille e una notte” allora amerete il continuo di quelle  poliedriche avventure. La penna dello scrittore egiziano Nagib Mahfuz, premio nobel per la letteratura nel 1988, riesce con incredibile profondità di analisi a raccontare le vicende che seguono il matrimonio del sultano Shahriyàr con l’astuta Shahrazàd, che si era salvata dalla morte raccontando all’uomo, per mille notti, delle storie che non avevano mai fine, perchè da una prendeva origine sempre un’altra.

Milleeunanotte

Mahfuz rende il suo Notti delle mille e una notte un’opera eccezionale perché non ha paura di confrontarsi con il classico per eccellenza della letteratura araba e in un certo senso lo supera. La saga originale ci lascia con tanti dubbi e domande, sarà riuscita la schiava a rendere il sultano un uomo migliore, in grado di governare con saggezza e giustizia? Mahfuz riprende la storia proprio da qui. Non saranno i racconti fantastici di Shahrazàd a rendere il sovrano consapevole del suo ruolo e dell’importanza di costruire dei rapporti basati sulla fiducia, ma il confronto con una realtà sfaccettata e non sempre benevola.

Lo scrittore riprende dall’archetipo una narrazione a incastro e su più livelli, in cui all’interno della cornice si strutturano piani di lettura e storie diverse, che solo alla fine del romanzo saranno finalmente chiare. Ecco comparire storie di amori e tradimenti, di furti, ma anche carità, in un fluire di personaggi mai banali, spesso caricature di un mondo non solo romanzesco ma anche contemporaneo a cui Mahfuz guardava con attenzione. Il marinaio, il barbiere, il governatore, l’amante diventano quindi un’allegoria dei conflitti politici e dei fanatismi religiosi che lo scrittore ha avuto modo di vedere da vicino.

Il risultato è una narrazione fresca e attenta, che segue i punti di vista dei vari personaggi che di volta in volta entrano nell’azione scenica. Lo scrittore ha una grande capacità nel tenere ben salde le redini della storia, che altrimenti rischierebbe di naufragare e perdersi. Mahfuz costruisce un racconto ordinato, in cui dosa suspance e azione, passato e presente, e solo lui fino sa dove condurrà il futuro.

Mahfuz ci farà capire, attraverso gli occhi dei vari personaggi, che il mondo è complesso e la verità spesso va ri-cercata. L’autore sospende il giudizio e lascia che siano i lettori a interpretare i messaggi morali delle sue storie: sembra voler dire che la fantasia (le storie) non potrà mai superare la realtà e invece proprio il mondo fiabesco ed esotico che crea in questo libro sono una dichiarazione d’amore all’immaginazione romanzesca.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.