Segni zodiacali dimenticati

I segni astrologici sono tra le testimonianze più antiche che le civiltà premoderne sono riuscite a far giungere fino a noi, rafforzando nei secoli i loro significati mistici. Fin dal 3000 a.C. in Mesopotamia si facevano previsioni costruendo complessi calcoli sulla base della posizione del Sole, della Luna e dei cinque pianeti più vicini alla Terra allora visibili. zodiaco babilonese.JPGFu però intorno al IV secolo a.C. che i segni zodiacali vennero codificati dai babilonesi che divisero il cielo, lo zodiaco, in dodici sezioni, in ognuna delle quali si trovava una costellazione, in ordine: Ariete, Toro, Gemelli, Cancro, Leone, Vergine, Bilancia, Scorpione, Sagittario, Capricorno, Acquario, Pesci. Ogni mese il Sole, nel suo moto apparente intorno alla Terra, attraversa una porzione di cielo diversa e così i segni zodiacali presero il nome dalle varie costellazioni.

A ogni segno venivano attribuite caratteristiche fisiche e psicologiche precise e nel mondo contadino erano legati al mutare delle stagioni, così per esempio l’Ariete rappresentava l’impetuosità del risveglio della primavera, il Cancro la fecondità dell’estate, la Bilancia la calma dell’autunno e il Capricorno l’energia apparentemente sopita dell’inverno.

precessione equinozi.gifIn Occidente si indentifica ogni segno zodiacale con il periodo dell’anno durante il quale il segno sembra essere attraversato dal moto apparente del Sole, ma è ormai noto che l’associazione fra i segni e la posizione del Sole rispetto alle stelle fisse cambia nel tempo, a causa della precessione degli equinozi. Adesso segni zodiacali e costellazioni risultano per così dire “sfasati” rispetto ai periodi storici precedenti in cui l’associazione era stata stabilita e infatti oggi durante un dato mese zodiacale il sole si trova invece in corrispondenza del segno precedente; gli scienziati hanno calcolato che segni e costellazioni si discostano di circa 1° ogni 72 anni, ma poichè la precessione è un fenomeno ciclico, la corrispondenza approssimativa tra segni e costellazioni si ripresenta dopo 25.800 anni circa.

OphiuchusLa cosa più interessante è che per l’effetto combinato di diversi Moti millenari si dovrebbe considerare un altro segno zodiacale, l’Ofiuco, un segno moderno, ma che esiste da secoli. L’ofiuco è un segno d’acqua ed è  rappresentato dal serpente e pare che alcuni astrologi abbiano cercato di introdurre questo tredicesimo segno nel periodo tra il 30 novembre e il 18 di dicembre, riducendo lo spazio del Sagittario e di tutti gli altri segni. L’iniziativa ebbe un discreto seguito solo in Giappone, ma per i più questo segno, come altri che hanno cercato di fare capolino dallo Zodiaco, sono stati dimenticati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.